login
Sei in : Stagione 2018 > GRANDI INTERPRETI

GRANDI INTERPRETI

 

Mercoledì 28 marzo 2018 ore 20.30

TEATRO MANZONI

 

Amsterdam Baroque Orchestra & Choir
Ton Koopman direttore
Yetzabel Arias Fernandez soprano

Maarten Engeltjes controtenore

Tilman Lichdi tenore

Klaus Mertens basso/baritono

 

 

Johann Sebastian Bach
Passione secondo Giovanni BWV 245 per soli, coro e orchestra

 

 

 

 

logo_carisbo

Koopman

BIGLIETTI / CONCERT TICKETS
ABBONAMENTI / SEASON TICKETS
L’interpretazione bachiana oscilla tra geometria e libertà. Ton Koopman è il tutore della filologia storica che fin dagli anni Cinquanta ha approfondito lo studio delle fonti alla ricerca del suono originario. Il direttore olandese conserva la fedeltà alla tradizione e nella sua lettura della Passione secondo Giovanni scopre l’immensità trascendente del testo.

 

 

 

 

Martedì 17 aprile 2018 ore 20.30

TEATRO MANZONI
  

Anna Bonitatibus mezzosoprano
Paolo Raffo pianoforte
 

 

«Che palpiti son questi»

Vincenzo Bellini
Questa è la valle… Quando incise su quel marmo… Spergiura! (scena drammatica)

Gioachino Rossini
Giovanna d’Arco (cantata a voce sola)

Ludwig van Beethoven
L’amante impaziente op.82 n.3 (arietta buffa)
L’amante impaziente op.82 n.4 (arietta assai seriosa)


Franz Schubert
Guarda che bianca luna D.688, II (canzone)
Mio ben ricordati D.688, IV (canzone)


Vincenzo Gabussi
La luna (arietta n.7), La protesta d’amore (arietta n.10)

Franz Schubert
Improvviso op.90 n.3

Giovanni Battista Perucchini
Se i sospiri degli amanti (arietta op.IV n.5)
Odi d’un uom che muore (arietta op.IV n.6)


Vincenzo Bellini
O crudel che il mio pianto non vedi (arietta)
A palpitar d’affanno (arietta)
Le souvenir présent céleste (arietta)


Gioachino Rossini
Un rien (Péchés de vieillesse, Vol.XII)
Francesca da Rimini:“Farò come colui che piange e dice” (recitativo ritmato)
Beltà crudele (melodia)
Mi lagnerò tacendo (arietta)

 

 

Bonitatibus

 

BIGLIETTI / CONCERT TICKETS
ABBONAMENTI / SEASON TICKETS

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il mezzosoprano Anna Bonitatibus possiede un belcantismo di raffinata eleganza, sorretto da una particolare attenzione musicologica. La prima parte del programma prevede la “scena drammatica”,  genere destinato agli interpreti professionisti legati al mondo dell’opera mentre la seconda è un percorso dedicato alla lirica amorosa italiana preromantica, nella quale Rossini e Bellini ebbero il ruolo principale.
Concerto inserito nel programma delle celebrazioni rossiniane “L’inquilino di Strada Maggiore e Piazza Rossini. Il maestro a Bologna nel 150° dalla scomparsa”

 

 

 

Martedì 24 aprile 2018 ore 20.30

TEATRO MANZONI

 

Rotterdam Philharmonic Orchestra
Yannick Nézet-Séguin direttore
Yuja Wang pianoforte

 

 

Franz Joseph Haydn
Sinfonia n.49 in fa minore Hob. I:49 “La Passione”

Sergej Rachmaninov
Concerto n.4 in sol minore op.40 per pianoforte e orchestra

Pëtr Il’ič Čajkovskij
 Sinfonia n.4 in fa minore op.36  

 

logo GD

Wang

BIGLIETTI / CONCERT TICKETS
ABBONAMENTI / SEASON TICKETS
Il canadese Yannick Nézet-Séguin è considerato negli Stati Uniti la rivelazione della nuova direzione d’orchestra. È il direttore musicale dell’Orchestra di Filadelfia e della Filarmonica di Rotterdam, una delle più autorevoli compagini europee. Nézet-Séguin possiede una eccezionale duttilità interpretativa; conosce lo stile classico come l’ardore romantico, rigore e passione in lui coesistono. La cinese Yuja Wang offre un Rachmaninov traslucido e quasi astratto. Claudio Abbado la presentò esordiente a Bologna con l’Orchestra Mozart. Oggi è tra le pianiste più affermate in Europa e negli Stati Uniti.

 

 

 

Mercoledì 9 maggio 2018 ore 20.30

TEATRO MANZONI
 

Dmitry Shishkin pianoforte

 

 

Alexander Skrjabin
Sonate-fantaisie n.2 in sol diesis minore op.19
 
Pëtr Il’ič Čajkovskij
Sonata n.2 in sol maggiore op.37 “Grande Sonate”

Sergej Rachmaninov
Études-tableaux op.39

 

 

logo Alternative Group

shishkin

BIGLIETTI / CONCERT TICKETS
ABBONAMENTI / SEASON TICKETS
Come al solito Bologna Festival nella sezione Grandi Interpreti presenta un giovane di forte talento. Il russo Dmitry Shishkin suona con finezza e creatività un interessante programma di impostazione tardoromantica, dai folgoranti Études-tableaux di Rachmaninov alla sontuosa Sonata di Čajkovskij, ad uno Skrjabin giovanile ancora legato ad ascendenze chopiniane.

 

 

 

 

Lunedì 21 maggio 2018 ore 20.30

TEATRO MANZONI

English Baroque Soloists
Monteverdi Choir
Sir John Eliot Gardiner direttore
Julia Doyle soprano  

Reginald Mobley controtenore

Matthew Brook basso

Johann Sebastian Bach
Cantata "Jesus Schläft, was soll ich hoffen" BWV 81
Cantata "O Ewigkeit, du Donnerwort" BWV 20
Cantata "Jesu der du meine Seele" BWV 78
Cantata "Wachet auf, ruft uns die Stimme" BWV 140

gardiner

BIGLIETTI / CONCERT TICKETS
ABBONAMENTI / SEASON TICKETS
Sir John Eliot Gardiner è considerato uno dei maggiori interpreti di Bach cui ha dedicato di recente anche una ampia monografia, di particolare respiro culturale. Lo stile è molto caratteristico e molto espressivo. Gardiner tende mirabilmente ad accentuare le ascendenze teatrali delle Cantate: il suono rivelato con una forte drammatizzazione soggettiva. Il direttore inglese ama presentare anche testi rari, offrendo, come in questo concerto, pagine poco divulgate.

 

 

 

Martedì 29 maggio 2018 ore 20.30

TEATRO MANZONI

 

Il Giardino Armonico
Giovanni Antonini direttore
Isabelle Faust violino

 


Wolfgang Amadeus Mozart        
Concerto n.1 in si bemolle maggiore K. 207 per violino e orchestra
Concerto n.4 in re maggiore K. 218 per violino e orchestra

Franz Joseph Haydn        
Sinfonia n.63 in do maggiore Hob. I:63 “La Roxolana”

 

Wolfgang Amadeus Mozart
Concerto n.5 in la maggiore K. 219 per violino e orchestra  

faust

BIGLIETTI / CONCERT TICKETS
ABBONAMENTI / SEASON TICKETS
Isabelle Faust è forse la violinista più versatile di oggi. Difende con fierezza il suo interesse per il nuovo. Trascorre dalle prassi esecutive antiche alle sperimentazioni delle ultime avanguardie. A Bologna ritorna come interprete mozartiana con un complesso filologico come Il Giardino Armonico, diretto da Giovanni Antonini, che mira a rinnovare l’interpretazione del Salisburghese con la conoscenza delle prassi esecutive settecentesche.

Giovedì 31 maggio 2018 ore 20.30

TEATRO MANZONI

Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI
Myung-Whun Chung direttore
Alexander Malofeev pianoforte  

 

 

CONCERTO ANNULLATO

 

 

info rimborsi

Chung

CONCERTO ANNULLATO
info rimborsi

 

Martedì 11 settembre 2018 ore 20.30

TEATRO MANZONI

Youth Orchestra of Bahia
Ricardo Castro direttore
Martha Argerich pianoforte

 

Robert Schumann
Ouverture  dall’opera “Genoveva”

Robert Schumann
Concerto in la minore op.54 per pianoforte e orchestra

Antonín Dvořák
Sinfonia n.5 in mi minore op.95 “dal Nuovo Mondo”

 

 

argerich

BIGLIETTI / CONCERT TICKETS
ABBONAMENTI / SEASON TICKETS
Martha Argerich è un’artista molto legata a Bologna Festival. Ritorna con uno dei punti fermi del suo repertorio, il Concerto di Schumann, in cui la passionalità coesiste con una perfetta disciplina formale. L’Orchestra Giovanile di Bahia, diretta da Ricardo Castro, si ispira al modello educativo venezuelano di Abreu, El Sistema, coinvolgendo ragazzi dai 13 ai 29 anni. Ogni anno suona in America e nelle più importanti sale da concerto europee.

 

Venerdì 19 ottobre 2018 ore 20.30

TEATRO MANZONI

 

Orchestra del XVIII Secolo
Cappella Amsterdam
Marcus Creed direttore
Ilse Eerens soprano
Fabio Trümpy tenore
André Morsch baritono

 

Franz Joseph Haydn       
Die Jahreszeiten Hob. XXI:3 (Le Stagioni)
oratorio in quattro parti per soli, coro e orchestra

 

 

 

concerto in doppio abbonamento con Il Nuovo l'Antico

creed

BIGLIETTI / CONCERT TICKETS
ABBONAMENTI / SEASON TICKETS
Le Stagioni sono uno dei monumentali capolavori del tardo Haydn, eseguito a Vienna nel 1801. L’opera è influenzata, come è noto, dagli oratori di Handel ma rivela anche qualche affinità con il primo Beethoven: il nuovo vive nella tradizione. L’Orchestra del XVIII Secolo di Amsterdam diretta da Marcus Creed si ispira allo stile aulico di Frans Brüggen, il creatore di una filologia neoclassica.    


Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Cookie Policy Ok