Il concerto inaugurale di mercoledì 8 aprile con Zubin Mehta e l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino è rinviato a data da definirsi, a causa del perdurare della situazione di emergenza da COVID-19.

L’emergenza che il mondo sta vivendo in questi giorni – afferma Maddalena da Lisca, Sovrintendente di Bologna Festival – tra le sue infinite conseguenze comporta anche grandi sacrifici al mondo dello spettacolo.

Le misure restrittive adottate, finalmente a livello globale, sono essenziali per la nostra salute e con obbediente rassegnazione accogliamo anche la compromissione della nostra stagione. Ora è il momento di rinunciare all’inaugurazione, vediamo cosa succederà nei prossimi giorni per i concerti a venire.

Stiamo tutti vivendo momenti difficili e anche Bologna Festival, a modo suo, soffre. Soffre senza dubbio dal punto di vista artistico, soffre nell’animo di chi vi lavora per vedere sfumare forse nel nulla tanto impegno, tante energie.

Soffre poi, non lo possiamo nascondere, sul piano economico: l’incertezza che abbiamo al nostro orizzonte mina la salvaguardia di una realtà preziosa e delicata, nata e cresciuta solo per volontà di alcuni generosi e illuminati cittadini. 

La sensibilità del nostro affezionato pubblico, la responsabilità delle istituzioni e delle aziende che ci hanno affiancato fino ad ora saranno le pietre di sostegno per reggere lo scossone causato da questo nuovo nemico, tanto microscopico quanto devastante. Così, ancora una volta, la cultura non si fermerà e…andrà tutto bene”.